FEDERAZIONE LAVORATORI POSTE FOGGIA
 
pulsante RSS
 Area informativa
  Home Page
  Chi Siamo
  Leggi le News
  il Contratto
  Modulistica
  i Servizi
 Iscriviti alla CISL
Tessera Cisl 2011
 Codice Etico
 Convenzioni Nazionali

Noi Cisl

 Ricerca

in questo sito
su Google
 
 
 
  ricerca avanzata
 Risorse
  Convenzioni
  Curiosità
  Filatelia
  Padre Pio
  Newsletter

Leggi la Notizia
Commenta la Notizia Invia a un Amico Stampa la Notizia
Visualizza tutte le News
IMPORTANTE SENTENZA - venerdì 8 febbraio 2019
È finito il calvario di una portalettere trasferita ad oltre mille chilometri di distanza.
Il Tribunale di Foggia ha dichiarato illegittimo il trasferimento comunicato da Poste Italiane circa cinque anni fa ad una lavoratrice addetta alle mansioni di recapito assegnata presso l’Ufficio Postale di Cerignola e trasferita in provincia di Brescia.
La lavoratrice, assistita dall’avv. Vito Fabio Colonna, dopo una lunga e complessa battaglia legale, si è vista riconoscere il tanto agognato diritto alla riassegnazione presso la sede di lavoro originaria.
«Il provvedimento giudiziale di primo grado -come precisato dall’avv. Colonna – sebbene non definitivo, si peculiarizza per l’attenta e approfondita disamina, nella fattispecie, dell’illegittimo esercizio dello ius variandi in capo al datore di lavoro e delle ragioni poste a fondamento del trasferimento. Il Giudice del lavoro di Foggia, infatti, solo all’esito di un’attenza e meticolosa valutazione delle risultanze probatorie è pervenuto
all’ineccepibile declaratoria di illegittimità del trasferimento, condannando Poste Italiane a (ri) assegnare la lavoratrice all’Ufficio Postale sito nel Comune di Cerignola. Si tratta di un risultato processuale assai rilevante - ha continuato l’Avv. Colonna – impreziosito dalla mancanza di allegazioni, per così dire, a supporto dell’impugnativa di trasferimento individuale del lavoratore: quali, ad esempio, le tutele previste dalla Legge n. 104/1992.
Anche senza i benefici previsti dalla Legge n. 104/1992, infatti, il Tribunale di Foggia si è espresso a favore della lavoratrice, accogliento in maniera integrale la domanda ordinaria, avanzata esclusivamente sulla base dell’insussistenza di ragioni oggettive addotte da Poste Italiane a giustificazione del trasferimento della lavoratrice».
Insomma, davvero una gran bella notizia non solo per la nostra Antonietta, ma anche per gli altri colleghi, i quali, magari avvalendosi di questo importantissimo precedente giudiziale, potranno fare vedere riconosciuti i propri diritti in materia di trasferimento individuale.

SLP CISL di Foggia da sempre al fianco dei lavoratori è lieta di festeggiare il ritorno a “casa” di Antonietta e, al contempo, rammenta a tutti gli iscritti che, grazie ad apposita Convezione siglata con lo studio legale, l’Avv. Vito Fabio Colonna è a disposizione degli
iscritti per la consulenza gratuita presso la nostra sede nelle date di volta in volta concordate e comunicate ai nostri associati.

Documenti allegati:
Trasferimento illegittimo (Trib Fg 05.02.2019)

 Newsletter Nazionale

 Il territorio
 Links
  informazione sindacale
  interesse generale
  riferimento legislativo
  agenzie di stampa
  tasse e fisco
  Volontariato
 Riferimento Legislativo
  anticipazione del tfr
  lo statuto dei lavoratori
  Legge 626
  Diritto di sciopero
  Decreto Bersani
  Pacchetto Treu
  Legge Biagi
  Tutela sulla Maternità
  Pari Opportunità

 

Copyright © 2006/2010 - SLP CISL Foggia - Via Trento, 42 - 71100 Foggia - Powered by Enzo Pipoli

vai al sito ANOLF    banner banner     La Cisl per la pace